Volterra: vampiri e turismo nel cuore della Toscana
11 Mar

Volterra: vampiri e turismo nel cuore della Toscana

Famosa per il notevole centro storico di origine etrusca, per le sensazionali mura duecentesche e per l’estrazione e la lavorazione dell’alabastro, negli ultimi anni Volterra ha ricevuto un’ulteriore spinta a livello turistico grazie alla scrittrice Stephenie Meyer, che l’ha scelta per ambientarvi una parte del romanzo New Moon, secondo capitolo della celebre saga di Twilight, poi adattato in un altrettanto conosciutissimo film. La circostanza ha fatto sì che Volterra non solo sia diventata meta di migliaia di appassionati di cineturismo provenienti da tutto il mondo, ma che nell’immaginario collettivo sia oggi riconosciuta come una terra popolata da vampiri.

Nel romanzo della Meyer, infatti, Volterra è il luogo dove risiedono i Volturi, un’antica famiglia di vampiri. Ma in realtà la cittadina in provincia di Pisa è stata scelta come location di New Moon più per la casuale assonanza tra i due nomi, che per un’assai improbabile presenza di esseri soprannaturali. I tantissimi visitatori che percorrono da cima a fondo le suggestive stradine del centro storico nella speranza di incontrare i pallidi congiunti di Edward e Bella, i due protagonisti di Twilight, resteranno quindi probabilmente delusi. Ma potranno ampiamente consolarsi scoprendo le altre splendide attrazioni di Volterra.

Innanzitutto la cinta muraria di origine etrusca poi modificata in epoca medioevale, dove si trova anche Porta all'Arco, magnificamente conservata. La maestosa Fortezza Medicea, costruita sul punto più elevato del colle dove sorge la città. Il Palazzo dei Priori, edificato sull’omonima piazza nel 1246. Il Teatro Romano, rinvenuto negli anni ’50 e datato I secolo AC. E poi tantissime chiese tra le quali spicca la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, in stile romanico, portato a compimento tra il XII secolo e il XIII secolo. Di fronte alla cattedrale sorge invece il Battistero di San Giovanni, costruito nella seconda metà del Duecento. Ulteriori testimonianze artistiche e monumentali di Volterra sono custodite nei tre principali musei cittadini: il Museo Etrusco, la Pinacoteca Civica e il Museo d’Arte Sacra.

Volterra è facilmente raggiungibile in automobile attraverso tre strade principali che la collegano a Cecina, Colle Val d'Elsa e Pontedera. Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Cecina e Pontedera, collegate al paese con numerosi autobus di linea, mentre l’aeroporto internazionale più comodo è il "Galileo Galilei" di Pisa.