Giardino dei Tarocchi a Capalbio: orari d'apertura e informazioni
23 May

Giardino dei Tarocchi a Capalbio: orari d'apertura e informazioni

In località Garavicchio, frazione del comune di Capalbio, si trova il Giardino dei Tarocchi, un originale parco artistico dove sono presenti ventidue gigantesche sculture, alte dai 12 ai 15 metri, che raffigurano i ventidue Arcani Maggiori delle carte dei tarocchi. Le imponenti statue sono state realizzate tra il 1979 e il 1996 dall'artista franco-statunitense Niki De Saint Phalle, dopo aver tratto ispirazione dal Parque Guell di Gaudí a Barcellona e dal Parco dei Mostri di Bomarzo. L’enorme lavoro per la realizzazione del giardino comportò all’epoca una spesa di circa 10 miliardi di lire, interamente autofinanziati dall'autrice.

Il Giardino dei Tarocchi occupa una superficie di circa due ettari e costituisce una vera e propria città in cui le sculture, costruite in acciaio e cemento ricoperte di vetri, specchi e ceramiche colorate, segnano le tappe di un affascinante percorso denso di significati simbolici ed esoterici. L’accesso al giardino avviene attraverso un muro in pietra simile a quello di una fortezza, opera dell’architetto ticinese Mario Botta, che sottolinea la netta divisione tra il mondo esterno e quello interno.

Varcata la soglia del Giardino dei Tarocchi, nella piazza centrale sono poste le figure del Mago, con la mano ricoperta di piccole tessere di specchi, e della Papessa, dalla cui bocca fuoriesce una piccola cascata d’acqua che scivola su gradini ricoperti di sfoglie di ceramica, finendo in una fontana dove al centro si muove la Ruota della Fortuna. Vicino si trova la carta della Forza, rappresentata da una figura femminile che domina un drago. Più avanti ci sono il Sole, la Morte, che cavalca un cavallo con una falce nella mano, il Diavolo, il Mondo, il Folle e il Papa. Particolarmente affascinante la carta dell’Impiccato, posta all’interno dell’Albero della Vita, che dal suo punto di vista rovesciato suggerisce un altro modo di guardare la realtà delle cose. Il percorso prosegue con la Giustizia, gli Innamorati, rappresentati da Adamo ed Eva che fanno picnic, l’Eremita, la Torre e l’Imperatore, raffigurato da un castello sorretto all’interno da diverse colonne rivestite con mosaici in specchio e ceramiche. Nel castello c’è anche una fontana che rappresenta la lussuria. La carta dell’Imperatrice è a forma di sfinge e contiene non solo un gran salone, un bagno e una piccola stanza da letto, ma anche le carte del Carro, della Stella e del Giudizio. La visita si conclude con la Luna e con la Temperanza, posta sopra una piccola chiesa internamente rivestita di specchi e un altarino con una Madonna nera in ceramica.

Il Giardino dei Tarocchi è aperto tutti i giorni dal 1 aprile al 15 ottobre, dalle ore 14:30 alle 19:30. Il biglietto d’ingresso intero costa 10,50 euro (ridotto 6 euro per ragazzi da 7 a 16 anni, studenti, over 65 e gruppi di almeno 25 persone con prenotazione obbligatoria). Per desiderio della stessa Niki De Saint Phalle non si possono effettuare visite guidate all’interno del giardino al fine di salvaguardare la libertà di movimento e l’atmosfera esoterica che richiedono i tarocchi. Informazioni: 0564.895122 (telefono), tarotg@tin.it (email).