Costa degli Etruschi, tra spiagge bianche e colline
15 Nov

Costa degli Etruschi, tra spiagge bianche e colline

Stretta tra le bianche spiagge del litorale maremmano e le colline livornesi, la Costa degli Etruschi si estende da Livorno a Piombino e comprende anche quattro paesi dell'entroterra, i caratteristici Collesalvetti, Sassetta, Suvereto e Campiglia Marittima. Deve ovviamente il suo nome alla presenza di necropoli etrusche visibili nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia, nell'area del Golfo di Baratti e tra San Vincenzo e Piombino. La Costa degli Etruschi comprende le aree archeologiche e naturalistiche dei Parchi della Val di Cornia e i Parchi Costieri di Rimigliano e della Sterpaia.

Il miglior itinerario per scoprire le meraviglie della Costa degli Etruschi non può che partire da nord e precisamente da Livorno, crocevia di popoli e culture, patria di artisti e terra di tradizioni turistiche antiche. Dopo il capoluogo si incontrano le amene Quercianella e Castiglioncello, con le loro lussureggianti pinete e le spettacolari scogliere a ridosso del Mar Ligure. Proseguendo verso sud, fino al Golfo di Baratti, il litorale diventa improvvisamente basso e sabbioso, con spiagge generalmente di colore dorato a eccezione del tratto tra Rosignano Solvay e Vada, dove si estendono le suggestive Spiagge Bianche.

Il Golfo di Baratti è un piccolo scorcio incontaminato a pochi passi da Piombino, sul tratto costiero che prosegue verso Grosseto. Una meta ideale per chiunque voglia apprezzare un angolo di mondo in cui natura, storia ed arte si uniscono dando vita a un luogo senza tempo. Piombino chiude l’itinerario regalando, oltre a un graziosissimo centro storico, una magnifica terrazza naturale con vista sull’Isola d’Elba dallo sperone roccioso di Piazza Bovio.

Il più caratteristico tra i paesi dell’interno è invece Campiglia Marittima: situata sulla sommità di una collina, domina il mare e la campagna circostanti regalando piacevoli vedute panoramiche. Il borgo medievale, dove si respira un'aria di altri tempi, è un antico castello al quale ancora oggi si accede attraverso le tre storiche porte inserite nella cinta muraria. Nel punto più alto del borgo è possibile ammirare la Rocca di Campiglia, risalente al X secolo.

Infine la natura: la Costa degli Etruschi custodisce un ambiente ricco con tante oasi botaniche, rifugi faunistici, boschi e pinete. La campagna è attraversata da una prestigiosa Strada del Vino, ricca di vigne e olivi di pregevole qualità.