Zucche italiane? Vola l’esportazione!
30 Oct

Zucche italiane? Vola l’esportazione!

Vola l’esportazione all’estero delle zucche Made in Italy, e lo fa a velocità record secondo quanto recentemente reso noto da Coldiretti. I dati sono stati pubblicati nel corso del recente “Zucca Day”, che si tiene in tutta Italia in concomitanza con le celebrazioni di Halloween: l’evento include naturalmente il tradizionale intaglio della zucca e l’esposizione di mostruose e al contempo bellissime realizzazioni, ma anche numerose ed eccezionali ricette che vedono questo ingrediente come principale protagonista.

Secondo Coldiretti, la produzione di zucche 100% italiane cresce a ritmo impressionante e attualmente si attesta sui 400 milioni di chili l’anno. Di norma, queste zucche non sono decorative ma edibili, sebbene anche la coltivazione di tipologie finalizzate a scopi ornamentali stia registrando un’interessante accelerazione. Nello specifico, uno dei più grandi esemplari di zucche ornamentali è arrivato a pesare circa 400 chilogrammi.

Oltre a numerose varietà internazionali di zucche, molti agricoltori italiani si stanno ora concentrando sulla conservazione di tipologie tradizionali, quali la zucca marina di Chioggia, la zucca violino di Ferrara, quella di Castellazzo Bormida e la zucca lardaia di Siena: si tratta di varietà specifiche che è ancora possibile trovare nei classici mercati degli agricoltori, diffusi pressoché in tutto il Paese.

La zucca rimane uno degli ingredienti più apprezzati per numerose ricette italiane, specialmente nei mesi più freddi dell’anno: pensate ad esempio ai celebri tortelli! Può essere utilizzata sia per preparazioni dolci che salate, ma anche combinata con pasta, carni e formaggi. Sorpresa finale? In Italia è prodotta persino una birra alla zucca!