Alla ricerca dello status di Patrimonio dell’Umanità per la Via Francigena
13 Feb

Alla ricerca dello status di Patrimonio dell’Umanità per la Via Francigena

L’Italia è un vero gioiello: lo sanno tutti. Fondamentalmente, è un Paese in cui praticamente tutto è prezioso – ogni tradizione culinaria, ogni vino, ogni paesaggio, ogni opera d’arte. Siamo quindi certi che non sorprenda sapere che l’Italia stia cercando in ogni modo di ottenere dall’UNESCO lo stato di Patrimonio dell’Umanità per la sua parte di Via Francigena, la strada dei pellegrini famosa in tutto il mondo che un tempo collegava Canterbury, in Inghilterra, a Roma – attraverso la Svizzera e la Francia.

Secondo quanto riportato dagli organi di stampa, sono almeno sette le regioni italiane che hanno proposto l’applicazione finalizzata ad ottenere la protezione dell’UNESCO per la loro parte di percorso. La tappa italiana della Via Francigena inizia sulle Alpi, per poi snodarsi lungo le colline e gli uliveti toscani fino a raggiungere la città eterna, Roma. La strada è stata resa famosa da Sigerico il Serio alla fine del Decimo secolo.

Le regioni italiane coinvolte nella proposta la motivano parlando della “eccezionale importanza sia in termini di cultura che di natura” del percorso dei pellegrini, aggiungendo anche che la Francigena è attualmente sottofinanziata e in gran parte trascurata, e ha quindi bisogno di “protezione per le generazioni presenti e future”.

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, aggiunge: “L’Italia non possiede miniere d’oro, ma ha un enorme patrimonio di borghi, tradizioni, vino e cibo. Si tratta di una ricchezza immensa, che tutto il mondo ci invidia e di cui vuole una parte. Il percorso è un’opportunità di ulteriore sviluppo”.

Ancora oggi, come da tradizione, molti pellegrini sono soliti seguire le antiche orme di Sigerico viaggiando a cavallo, in bicicletta o addirittura a piedi lungo la via Francigena. Questa, in un certo senso, rappresenta la versione italiana dell’universalmente conosciuto Camino di Santiago, che porta i pellegrini alla città di Santiago de Compostela in Francia.