L’Italia celebra il Pasta Day: è il momento delle nuove etichette
12 Feb

L’Italia celebra il Pasta Day: è il momento delle nuove etichette

Domani, a Roma, l’Italia celebrerà ufficialmente il suo Pasta Day. Le nuove etichette – frutto dell’obbligo di indicare l’origine del grano utilizzato nella pasta, verranno presentate in giornata nel corso di un evento dedicato, organizzato a seguito dei decreti interministeriali relativi all’indicazione dell’origine obbligatoria su riso e grano nelle etichette per alimenti.

L’evento rappresenta un modo perfetto, sia per il pubblico che per i consumatori, di imparare a leggere correttamente le nuove informazioni e a raggiungere una maggiore consapevolezza in termini di acquisti alimentari. Il Pasta Day è stato fortemente supportato dalla consueta Coldiretti, il cui interesse risiede nello stop completo alle speculazioni sul “finto” cibo italiano.

L’Italia, come è noto, è particolarmente severa quando si parla di qualità dei cibi e sta dunque spingendo per una sempre maggiore trasparenza anche in termini di singoli ingredienti dei prodotti.

Una curiosità: con i suoi 4,3 miliardi di chili di grano duro e 1,5 miliardi di chili di riso prodotti a livello nazionale, il Belpaese registra un vero e proprio record europeo.

La nuova etichettatura è, di fatto, un momento storico per il Made In Italy, non soltanto all’interno dei confini nazionali ma anche all’estero: il “tutor etichetta” sarà infatti un ottimo strumento per aiutare i consumatori di tutto il mondo a chiarire i loro dubbi sull’origine dei cibi e, dunque, di fare scelte d’acquisto più informate.