Il Capo dell’ONU Ban Ki-moon alla Giornata Mondiale dell’Alimentazione a EXPO Milano
19 Oct

Il Capo dell’ONU Ban Ki-moon alla Giornata Mondiale dell’Alimentazione a EXPO Milano

Ban Ki-moon e altre figure di spicco nella lotta globale contro la fame - tra cui la Regina Letizia di Spagna, ambasciatrice speciale della FAO per la nutrizione e diversi esponenti della Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite - hanno ribadito l’impegno internazionale verso l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

L’occasione era imperdibile, poiché EXPO Milano 2015 celebrava contestualmente anche il 70esimo anniversario della FAO.

Il Presidente italiano Sergio Mattarella ha dato il benvenuto ai dignitari, provenienti da tutto il mondo, per la prima celebrazione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione mai tenuta al di fuori della sede FAO. 

Secondo il Presidente Mattarella, il tema centrale dell’Esposizione Universale “riflette un obiettivo cui il mondo aspira, e un fine nobile che non può essere separato dalla pace. L’azione congiunta è il solo modo per garantire la sicurezza alimentare e l’uso sostenibile delle risorse naturali”.

Ban Ki-moon ha spiegato che i leader mondiali devono agire collettivamente nel rispetto dell’Agenda 2030 recentemente adottata e degli obiettivi di sviluppo sostenibile, con il fine ultimo di ottenere, entro quindici anni, la completa eradicazione nella fame. 

“L’Agenda 2030 è ambiziosa e realizzabile. È integrata e universale. Riconosce che la povertà e la fame hanno cause profonde e radici complesse e interconnesse. Abbiamo fatto la nostra promessa. Ora è il momento di agire”, ha detto il Segretario Generale nel suo discorso.

Il tema per il 2015 della Giornata Mondiale dell’Alimentazione si centra sul concetto di “Protezione sociale - rompere il ciclo della povertà rurale” e, secondo il capo delle Nazioni Unite, la protezione sociale è lo strumento per raggiungere i più vulnerabili poiché impedisce la caduta definitiva nell’estremo disagio. Al contempo, lo stesso mezzo può portare alla sicurezza nutrizionale.

Ban Ki-moon ha definito la fame “una terribile ingiustizia” e ha chiesto un impegno “per la sicurezza alimentare di tutte le persone nel mondo, al fine di costruire un movimento globale che ponga fine alla fame. Ciò andrà di pari passo con una maggiore salute, lo sviluppo economico e l’inclusione sociale degli individui e delle società”.

Papa Francesco ha invitato i leader mondiali a fare molto di più per combattere la disuguaglianza globale: “Il creato e i frutti della terra sono il dono di Dio per tutti i popoli, che devono anche essere loro custodi e beneficiari”, il Papa ha scritto in una lettera. “Di conseguenza, le risorse devono essere tutte giustamente condivise”.