Castello di Pietratagliata in Sicilia, tra realtà e leggenda
19 Sep

Castello di Pietratagliata in Sicilia, tra realtà e leggenda

Nella zona più "selvaggia" della Sicilia, al centro di un lembo della provincia di Enna che unisce i paesi di Aidone, Valguarnera e Raddusa, sorge il Castello di Pietratagliata o dei Gresti, dal nome della contrada omonima. Costruito tra il XIII e il XIV secolo in posizione strategica su un'elevata sommità rocciosa, il maniero domina incontrastato la valle circostante dall’alto dei 36 metri della sua torre a pianta quadra, nonostante l’intero edificio sia ormai ridotto a poco più di un rudere.
 
Il Castello di Pietratagliata versa infatti da decenni in stato d’abbandono e per motivi di sicurezza è visitabile solo esternamente. Ma merita lo stesso un’escursione sul posto, non solo per ammirare da vicino la poderosa torre, un tempo ormata da una bellissima scalinata elicoidale che portava sin sulla cima. Ma anche per guardare, sempre dall’esterno, ciò che resta dell’imponente corpo edilizio e dei muri perimetrali. In ogni caso è verosimile che il castello non abbia mai avuto la funzione di dimora signorile, ma fu certamente una fortezza di avvistamento.
 
In realtà, ci sarebbe potuto essere un altro validissimo motivo per visitare il Castello di Pietratagliata, ovvero la possibilità di trovarvi un ingente tesoro. La tradizione vuole infatti che in passato l’allora proprietario, il barone Giacomo Caprini, avesse fatto incidere sull’architrave di una finestra una misteriosa epigrafe in latino: ebbene, secondo la leggenda locale, se un cavaliere in groppa a un destriero al galoppo, fosse riuscito a leggere e a interpretare questa epigrafe, avrebbe scoperto un magnifico tesoro. Purtroppo, però, l’epigrafe è andata persa, il tesoro non è stato mai trovato ma la leggenda è rimasta.
 
Per raggiungere il Castello di Pietratagliata bisogna percorrere l'autostrada A19 Catania-Palermo, uscire a Motta Sant'Anastasia e prendere poi la SS 288 per Raddusa, in direzione Catania. Dopo circa 15 km si deve proseguire sulla SP per Valguarnera per meno 10 km, alcuni dei quali su fondo sterrato. Ovviamente, dato lo stato di abbandono del castello, non sono previsti orari d’ingresso né tantomeno visite guidate. Per informazioni si può contattare la Pro Loco di Aidone ai numeri telefonici +39 0935 86557 o +39 333 1791293.